SINDROME POST-COVID DI CLAUDIO CORBELLINI E GIORGIO BERTANI 

I dolori muscolari, l’astenia e la cefalea, spesso, permangono dopo l’infezione da Coronavirus e sono curabili con l'agopuntura.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce Sindrome Post-Covid l’insieme delle conseguenze a lungo termine determinate dall’infezione da Coronavirus. 
Il 35% dei pazienti dopo la malattia da Coronavirus, decorsa anche in forma lieve e l’avvenuta  negativizzazione riferisce di non essere tornato al precedente stato di salute ( secondo il Centers for Disease Control and Prevention, Usa).
Nei pazienti con Sindrome post-Covid, e soprattutto Long-Covid, cioè quella forme in cui i sintomi e le alterazioni funzionali persistono oltre i due mesi dall’infezione iniziale, occorre diagnosticare le problematiche, trattarle e monitorarle, per scongiurare sia l’insorgenza di patologie, che la cronicizzazione, i peggioramenti delle comorbidità e le recidive del Coronavirus.

LO STUDIO
Lo studio: Risk of clinical sequelae after the acute phase of SARS-CoV-2 infection: retrospective cohort study rileva che il 14% degli ultrasessantacinquenni con infezione da Coronavirus, ha sviluppato almeno una di sequela clinica  rispetto al  K 4,95% del gruppo di confronto.
Il rischio di conseguenze aumenta con l'età e in caso di patologie preesistenti.
Specialmente nei diabetici, nel sovrappeso, nelle problematiche cardiorespiratorie, nello stress ossidativo nutrizionale e  ipo-ipernutrizione anche qualitative.
Al di là di questi quadri patologici, i pazienti guariti manifestano sintomi persistenti che influiscono sul benessere fisico e  mentale e sociale; indipendentemente dalla gravità del Covid-19.

L’AGOPUNTURA
L'agopuntura come Medicina integrata si propone di intervenire per riequilibrare i pazienti alla ricerca di un benessere psicofisico utile nella sindrome post-Covid, e nel Long-Covid,
Per una medicina integrata, oltre al riequilibrio con agopuntura e altre terapie, è fondamentale l'alimentazione, trattare lo stress ossidativo, l’acidosi, lo stato di nutrizione cellulare e tissutale e della matrice.
In Italia possiamo seguire la dieta mediterranea che determina  salute e  benessere.
Occorre mangiare in maniera equilibrata di tutto, pre­feribilmente quello che produce la nostra terra, di stagione, non solo per la freschezza, ma per non alterare la flora batterica con batteri di altre zone.

L’ENERGIA
Alla nascita, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, abbiamo un patrimonio energetico, definito energia ancestrale o Yuan Qi, patrimonio non rinnovabile, e la cui dispersione va rallentata.
È  necessario evitare di disperderlo, con una vita non eccessivamente stressante, con una giusta attività fisica e  una buona sessualità.

Non solo, è fondamentale, alimentare questo "Patrimonio", con la cosiddetta l’"energia acquisita", che assumiamo con l’alimentazione e la respirazione.
Eccellenti risultati con il Qi Gong.

L’ALIMENTAZIONE
Importante mangiare evitando eccessi, in modo equilibrato e regolare, di tutto, ma pre­feribilmente, come affermano i testi antichi della Medicina Tradizionale Cinese, quello che producono la nostra terra e la "nostra stalla"  nella loro stagione; rispettando l’ecosistema costituito da ambiente, animali e uomo. Naturalmente se, a volte, desideriamo mangiare una primizia o un cibo esoti­co, non dobbiamo privarcene, ma non deve essere sistematico.
La nostra bocca diviene, secondo il pensiero Taoista, in questi casi, un "Forno alchemico" in grado di trarre giovamento anche da un alimento inadeguato, ma non dobbiamo abusarne, deve essere sempre una eccezione, che risulta utile per cimentare il nostro organismo-

EPIGENETICA E BATTERI 
L’antica indicazione, infatti, è mangiare i prodotti locali, con cui siamo in un equilibrio epigenetico, fondamentale per la nostra salute.
Questo non solo per avere alimenti freschi, con il massimo delle qualità organolettiche, e per diminuire l’impatto ambientale, legato al trasporto, ma anche per non alterare la flora batterica con batteri provenienti da altre zone, alterando così l’equilibrio stabilitosi nel tempo.
Il nostro corpo è in equilibrio simbiotico, solo a livello intestinale, con circa 1,4  kilogrammi di batteri,  il cui genoma viene modificato da noi e che, a loro volta, modificano l’espressione epigenetica del nostro genoma.
Assorbiamo non  quello che mangiamo, ma gli alimenti modificati dell’azione dei batteri, che vivono, appunto, in simbiosi con noi.
Fondamentale il riequilibrio della flora batterica con i probiotici.

ELEMENTI DI BUONA VITA
Per star bene bisogna non abusare di farmaci, limitandosi a quelli necessari. è importante, avere una attività sessuale, ridurre e  gestire gli stress,  svolgere attività fisica, adeguata. Infatti non deve essere scarsa, ma anche non eccessiva, seguendo, se impegnativa, un adeguato percorso di allenamento.
Eccellenti le passeggiate, possibilmente a contatto con la na­tura.
Troviamo questi concetti antichi, scritti, come insegna il Maestro Caspani. in incisioni su carapaci di tartarughe e su ossa oracolari, che risalgono al 5° mil­lennio a.C.
Ottimo l'equilibrio energetico che possiamo ottenere con l'agopuntura.
L'agopuntura nasce, infatti, come Medicina Preventiva. Ancora più efficace l'agopuntura vibrazionale ( diapasonagopuntura), per la sua profonda azione sulla psiche e di riequilibrio psicocorporeo.

COME RIEQUILIBRARE CON L'AGOPUNTURA
È possibile ottenere un riequilibrio con l’agopuntura seguendo la teoria dei Cinque Elementi-Movimenti: WU XING teoria posteriore alla teoria dello Yin e dello Yang: si tratta di una sua ulteriore esplicazio­ne.
Infatti, nel pensiero Cinese non si hanno le drammatiche rotture del pensiero Occidentale, basate su tesi e antitesi, si ha, al contrario, una progressiva implementazione del sapere.
I Cinque Elementi-Movimenti sono: l'Acqua, il Legno, il Fuoco, la Terra e il Metallo.
Non sono  frutto di un ragionamento astratto, ma il risultato di infinite osservazioni, effettuate in migliaia di anni su milioni di pazienti, che sono state espresse con un linguaggio simbolico, perché sono state ela­borate in un'epoca prescientifica, da persone abituate al pensiero analogico.
I Cinque Elementi sono correlati ai cosiddetti Zang-Fu: gli Organi e Visceri; ad esempio l'Acqua al Rene e alla Vescica Urinaria.
In realtà, non bisogna intenderlo come corrispondenti ai rispettivi organi occidentali, ma sono macrosistemi che regolano l’omeostasi dell'organismo, attraverso ad essi riusciamo a regolare l’organismo e a ripristinarne l’equilibrio.
Per comprendere la fisiologia energetica su cui si basa l’agopuntura è indispensabile comprendere l'unità somatopsichica della Medici­na Cinese ed esaminare lo psichismo di ogni orga­no.

YIN, YANG E SHEN
L'unione tra yin e yang da origine alla vita, creando il  "mate­riale", chiamato jing, che ha due aspetti reciprocamente complementari: lo spermatozoo e l'uovo.
Dalla loro combinazione origina la vita e l'attività vita­le, avremo lo Shen (psiche), distinto in Shen prima della nascita, immodificabile, che ha sede nel  Cuore,  e  lo Shen post partum: i Ben Shen, parte integrante e formativa dei vari organi.
L’uomo nella Medicina Cinese è una realtà in continua mutazione, determinata dall'equilibrio dinamico Yin e Yang, rappresentabile con una spirale, in quanto i rappor­ti variano continuamente.
Questo permette sia l’estrinsecarsi della vita, attraverso l’interazione tra lo Yang, energia pura: luce, calore, dinamismo, vibrazione  e lo Yin; la materia, che è, comunque, una forma di energia più concentrata  e meno dinamica, sia di stimolare il riequilibrio psicofisico.

COSA ABBINARE
Importante abbinare all’agopuntura la vitamina D che, riequilibrando il sistema immunitario, esercita una notevole azione preventiva e vitamina C, utile la lattoferrina.