FECONDAZIONE ASSISTITA Nuova tecnica “dolce” di fecondazione in vitro

August 11, 2018 Scritto da

 In seguito ai progressi fatti negli ultimi anni, soggetti precedentemente definiti “sterili senza speranza” possono diventare fertili grazie ai nuovi approcci terapeutici in Medicina della Riproduzione ed alle innovative tecniche di Fecondazione Assistita.

In realtà la procreazione assistita non è il primo passo del trattamento della sterilità: essa diventa indispensabile solo se le tube sono chiuse o se il numero e la motilità degli spermatozoi sono ridotti a valori estremi.
Vi sono varie situazioni intermedie in cui i valori dell’esame seminale possono essere migliorati con terapie mediche e medicina naturale. È anche il caso di ricordare, in questa sede, che esistono quadri di azoospermia (assenza di spermatozoi) curabili con terapia medica (ipogonadismo ipogonadotropo).

In ogni caso, per avere più probabilità di gravidanza e soprattutto di “avere un bambino in braccio” , nella nostra esperienza, dati alla mano, bisogna potenziare la capacità fecondante degli spermatozoi nel maschio e mimare, nella donna, il più possibile ciò che avviene in natura, dando comunque precedenza a tecniche di fecondazione assistita meno invasive che comportano meno stimolazione alla donna e quindi minori rischi di gravidanze gemellari ed iperstimolazione.

A ciò si aggiungono alcuni consigli , quali moderare fumo e alcool, evitare processi lavorativi e sostanze lesive per gli spermatozoi, evitare un innalzamento della temperatura a livello testicolare con biancheria intima e pantaloni comodi, bandire l’abuso di farmaci non strettamente necessari.

L'abbinamento con l'agopuntura e ancor più con l'agopuntura vibrazionale (diapasonagopuntura) aumenta ulteriormente la percentuale di successo.

 

Letto 144 volte Ultima modifica il Thursday, 11 October 2018 11:59
Devi effettuare il login per inviare commenti