AGOPUNTURA E EPICONDILITE

October 13, 2019 Written by

Per epicondilite si intende un dolore al gomito, determinato dalla sofferenza del  “Tendine comune dei muscoli estensori” , all’ inserzione sull'epicondilo omerale.

L’agopuntura è estremamente efficace.

Ancora di più l’agopuntura vibrazionale (diapasonagopuntura).

LE CAUSE

I FATTORI FAVORENTI

I SINTOMI

LA TERAPIA CON AGOPUNTURA

 

LE CAUSE

L'overuse è la causa principale, anche se l'obesità e al tabagismo,  parrebbero favorire una infiammazione dei tendini, rendendo le fibre più vulnerabili ai  microtraumi ripetuti.

Favoriscono l’insorgenza i movimenti ripetuti dell'avambraccio, del polso e della mano, in particolare la pronosupinazione ed estensione effettuati contro resistenza. Insorge, spesso, nei tennisti,

si parla infatti di “gomito del tennista” – ma è frequente anche nella scherma, il baseball, il nuoto e gli sport di lanci.

L’origine può essere lavorativa, più frequente negli idraulici ed  imbianchini.

Le  casalinghe non sono risparmiate, ma l’epicondilite può essere causata anche dall’utilizzo di computer e mouse.

 

I FATTORI FAVORENTI

Esistono anche altri fattori favorenti: l'età (insorgenza dopo i 35-40 anni) in relazione all’invecchiamento dei tendini, la fisiologica ipovascolarizzazione tendinea a livello pre-inserzionale, gli errori tecnici,

l'esecuzione scorretta dei gesti sportivi (maggiore l’incidenza tra gli sportivi amatoriali rispetto ai professionisti) o le modalità incongrua di svolgimento di un'attività lavorativa.

 

I SINTOMI

Nell’epicondilite il dolore si manifesta nella regione laterale del gomito, spesso irradiato lungo il lato radiale dell'avambraccio, in qualche caso può raggiungendo la mano; l’insorgenza è graduale, inizialmente

quasi inavvertita, il decorso tende ad essere cronico ed ingravescente.

I dolori sono inizialmente solo sotto sforzo, specialmente  nei movimenti di estensione e supinazione dell'avambraccio, del polso e della mano, ma anche di prensione,  soprattutto se effettuati sotto sforzo o

per sollevare un peso.

Netta dolorabilità,  possibile tumefazione dei tessuti molli.

Nei casi cronicizzati insorge, per la degenerazione delle fibre tendinee, una progressiva mancanza di forza dell'avambraccio con compromissione dell'efficienza sportiva e lavorativa, che può interessare anche le

attività quotidiane.

L'ecografia è utile, non tanto a livello diagnostico, ma per valutarne la gravità:

 

LA TERAPIA CON AGOPUNTURA

Si trattano, come sempre, in agopuntura punti locali e punti ad azione generale a distanza.

Ad esempio LI-11 quchi  è indicato soprattutto in presenza di! calore”, quindi nell’infiammazione.

Inoltre, drena l'umidità dal meridiano, e, infine,  tratta l’indebolimento funzionale e strutturale dei tendini.

Il punto ha anche un’azione generale: la Tradizione sostiene che LI-11 “giova ai tendini e alle articolazioni”,  esercitando una azione trofica, con lo stesso punto riusciamo, quindi, ad avere una azione locale e

una a distanza.

L’agopuntura funziona meglio quando l’infissione è limitata a pochi aghi.

Risultati migliori con l’agopuntura vibrazionale (diapasonagopuntura).


 

L'agopuntura tratta con successo l’epicondilite, anche nel caso di calcificazioni.

Le epicondiliti trattate precocemente rispondono in tempi spesso molto rapidi: Possibile l’abbinamento con l'auricoloterapia.

Nel caso, invece, di un'epicondilite con caratteristiche di cronicità, o di tipo calcifico, occorrono più sedute per attivare i meccanismi di rigenerazione del tendine e dell'entesi

La frequenza delle sedute è di due la prime settimane,  successivamente di una la settimana; nelle forme più datate possono occorrere un paio di mesi di terapia  per ottenere  la remissione parziale o totale

del quadro clinico.

 Può essere indicato abbinare all'agopuntura le onde d'urto, per accelerare la decalcificazione,.

 

RIEQUILIBRIO ENERGETICO

 È comunque indispensabile il riequilibrio energetico,

Occorre diagnosticare attraverso l’anamnesi e l’esame obiettivo, in particolare con l’esame della lingua (glossoscopia) quali sono i deficit energetici e trattarli.

Molto utile l’agopuntura vibrazionale (diapasonagopuntura) che, oltre ad una azione diretta sul tendine, agisce sulla psiche.

Fondamentale, infatti, agire sul terreno, che alimenta la tendinopatia.

Frequente, per la Stasi di qi di Fegato l’infissione di LR-3 taichong per ristabilire il fluire armonioso del qi e GB-34 yanglingquan, il punto hui dei tendini, molto utile in presenza di tensioni e contratture.

 

Read 37 times Last modified on Wednesday, 13 November 2019 09:03
Login to post comments