OCCHIO SECCO E AGOPUNTURA

August 09, 2018 Written by

Secondo ricerche molto accurate  (Modalities of acu: In uno studio pubblicato su Journal of Acupuncture and Tuina Science, si sono ottenuti ottimi risultati clinici sulla sindrome dell’occhio secco con

l’utilizzo di agopuntura:

L'agopuntura è stata valutata  in uno studio, in cui si sono confrontati agopuntura e collirio umidicante. 

 

SINDROME DELL'OCCHIO SECCO

La sindrome  dell’occhio secco (Dry Eye Syndrome) è una forma di cheratite secca, che genera una essiccazione cronica, bilaterale della congiuntiva e della cornea, dovuta a un inadeguato volume di

lacrime o a perdita eccessiva di lacrime da eccessiva evaporazione,  causa un'alterata qualità delle lacrime stesse. 

Il paziente avverte una sensazione di prurito, bruciore, fotofobia (fastidio nel guardare luci), sensazione di sabbia nell'occhio, pressione dietro l'occhio, o sensazione di corpo estraneo.

I sintomi dell'occhio secco sono peggiorati dagli sforzi visivi prolungati, come la lettura, il lavoro al computer, la guida o guardare la televisione.

Particolari ambienti possono anche aggravare i sintomi, come i locali polverosi o fumosi e secchi, e le aree dove sono utilizzati i condizionatori d'aria (soprattutto in automobile), i ventilatori o le stufe.

I sintomi possono aumentare durante giornate fredde, piovose o nebbiose o in altri ambienti con alto tasso di umidità, come le docce.

Nonostante tutto ciò, raramente questa patologia provoca una visione ridotta.

In alcuni casi i pazienti  hanno altri sintomi sistemici di secchezza, in quanto affetti da Sindrome di Sjögren

Lo studio conferma che un ciclo di sedute di agopuntura può essere d’aiuto nel trattamento di questa fastidiosa sindrome, ancor di più se associata a regolare trattamento farmacologico, per ridurre

al minimo ll’utilizzo dei farmaci e migliorare i sintomi.

Con l' agopuntura si ottengono intorno al 60 % i successi.

 

La Sindrome di Sjögren

Si tratta di una malattia autoimmunitari infiammatoria cronica, che determina la distruzione delle ghiandole esocrine: "ghiandole salivari minori, ghiandole lacrimali, parotidi", causata dai linfociti T.

Sembra esistere  una predisposizione genetica, correlata ai geni HLA-DRw52 e HLA-DR3, probabilmente  associata a infezione virale.

 

 

 

Read 283 times Last modified on Thursday, 28 November 2019 09:16
Login to post comments