Stampa questa pagina

AGOPUNTURA E INTERFERENZE FARMACOLOGICHE

March 10, 2019 Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

AGOPUNTURA E INTERFERENZE FARMACOLOGICHE

L’agopuntura è particolarmente importante nei soggetti che assumano multiterapie, quali anziani, soggetti con molte patologie, i soggetti in terapia antiretrovirale, soggetti con gastriti e reflusso gastroesofageo, o in epatiti; infatti l’assunzione di molteplici farmaci aumenta gli effetti collaterali degli stessi e provoca interazioni sfavorevoli.

Studi mostrano che, assumendo contemporaneamente tre farmaci, che singolarmente non interagiscano tra loro, si verificano effetti indesiderati nel 54% dei casi. Assumendo quattro farmaci in oltre il 70%. E’ quindi importantissima l’agopuntura nel ridurre i farmaci assunti, diminuendo significativamente la possibilità di effetti collaterali e rendendo, inoltre, più efficaci i farmaci per terapie non sostituibili, dall’agopuntura. Ad esempio, in caso di pazienti in terapia antiretrovirali, quali i soggetti con patologie HIV, correlate, si evitano sia l’insorgenza di disturbi gastrointestinali, quali vomito e diarrea, con conseguente alterato assorbimento della terapia di fondo, sia interferenze metaboliche, a livello di sistemi enzimatici epatici. Pertanto, in considerazione dell’elevata efficacia: superiore o sovrapponibile alle classiche terapie farmacologiche occidentali, dell’elevata tollerabilità,l'agopuntura si propone come terapia di prima scelta nei soggetti che assumano multiterapie al fine di evitare interferenze farmacologiche.

 

ESPERIENZE

Nella Clinica di Malattie Infettive e Tropicali dell’Università di Pavia, da anni, sotto la mia supervisione, il dolore nei soggetti HIV positivi è stato sistematicamente trattato con agopuntura sia nella neuropatia, sia nelle forme dolorose di qualsiasi eziologia, poiché come in precedenza scritto si evitano sia l’insorgenza di disturbi gastrointestinali, quali vomito e diarrea, con conseguente alterato assorbimento della terapia di fondo, sia interferenze metaboliche, a livello di sistemi enzimatici epatici.

Molto utile nei soggetti con epatiti in cui è importante ridurre il carico farmacologico.

Cogliamo l’occasione per ricordare che la rinascita dell'agopuntura é legata ai buoni risul­tati ottenuti nel trattamento delle epidemie insorte al­la fine della guerra civile cinese.

L'herpes zoster, trattato in fase acuta, risponde con percentuali che sfiorano il 100%, in quanto l'agopuntura evoca, in tale patologia, una risposta immunitaria par­ticolarmente rilevante; discreti, ma con percentuali mi­nori e, spesso, solo parziali, i risultati nelle algie post zoosteriane.

L'agopuntura é, pure, indicata nel trattamento di rini­ti, sinusiti, faringiti, cistiti e vaginiti croniche.

 

Letto 65 volte Ultima modifica il Sunday, 10 March 2019 08:47
ClaudioCorbellini
Devi effettuare il login per inviare commenti