GINNASTICHE MEDICHE CINESI

April 16, 2020 Written by

LE TECNICHE CORPOREE in Medicina Tradizionale Cinese.

Tai Ji e Qi Gong.

Definizione dal titolo del libro di Carlo Moiraghi (Yaka Book 1996) , che rifiuta la dizione di Tecniche Psicocorporee, usata nel tentativo di riavvicinare la psiche al corpo, ma che, in realtà,

ne sottolinea la separazione.

L'autore afferma, inoltre, che è meglio abbandonare, il termine olistico, che nella sua etimologia greca Olos,  segnala l'unità intrinseca nell'esistenza, in quanto, ultimamente, inflazionato e, spesso, usato

a sproposito, con i significati sempre più generici e vaghi.

Suggerisce, pertanto, il termine tecniche corporee, per definire tecniche, che coinvolgono l'organismo nella sua globalità.

 

Distingue TECNICHE CORPOREE ESTERNE ED INTERNE.

Nelle Esterne, il centro del Lavoro si svolge all'esterno del corpo, intendendo l'aspetto muscolare e l'attività fisica.

È il Kung Fu, attualmente in Pin yin, scritto Gong Fu, che significa:” allenamento con abilità.”

Le Interne sono tecniche, in cui il centro del Lavoro, si svolge all'interno del corpo, intendendo l'aspetto mentale e spirituale, la cosiddetta attività sottile, energetica e meditativa, che sviluppa la Forza

Interiore.

Sono campi, ovviamente,  intimamente correlati, in cui è diverso l'Impegno e la modalità di Lavoro, una rivolta alla fisicità, l'altra al Lavoro interiore.

 

LA STORIA

Le ginnastiche mediche Cinesi sono praticate in Cina sin dall'antichità, come mezzo di prevenzione e  terapia, tramite il mantenimento dell'equilibrio energetico.

Si svilupparono a partire da danze rituali.

Nell capitolo  "sulla musica antica" degli "Annali delle Primavere ed Autunni" è scritto: "Sin dall'origine delle prime famiglie Tao e Tang, lo yin tende a ristagnare e, infine, ad incubarsi ed accumularsi nella

profondità del corpo, i passaggi d'acqua sono così bloccati e l'acqua non fluisce più nei suoi percorsi originali; il Qi cova e ristagna nell'interno del corpo; i muscoli e le ossa rimpiccioliscono, perciò  la

musica è creata proprio per rimuovere la stagnazione e l'ostruzione".

Successivamente, si svilupparono metodi di chinesiterapia, respirazione e vocalizzazione, a fini fisioregolatori.

Ad esempio, il suono Hei veniva utilizzato per controllare e liberare la forza fisica.

 

REPERTI ANTICHI

Risalgono al 771 a.C. le prime iscrizioni relativa a ginnastiche mediche su oggetti di bronzo.

In un pendente di giada, troviamo descritto un metodo di controllo energetico,  attraverso specifici esercizi.

Il rotolo di seta di Ma Wang Dui rappresenta un'iniziale esposizione didattica delle ginnastiche mediche.

Nello SHANG HAN LUN (III SEC A.C.) è  descritto l'impiego delle ginnastiche mediche, nella cura delle malattie.

Molti monasteri, specie Taoisti, fecero parte integrante della loro regola le ginnastiche mediche.

In dinastia Ming, viene scritto che, attraverso tali tecniche, si possono percepire i tragitti dei canali.

Il guidare l'energia attraverso tali tragitti, ottimizza le energie dell'organismo.

Nella rivolta dei Boxer, i cinesi si servirono di queste tecniche, che, nella loro forma di esecuzione veloce, divengono arti marziali.

Nel 1955 fu fondato un sanatorio di Qi Gong.

Nel 1957  l'Ospedale principale di Qi Gong a Shanghai.

Nel 1959 fu effettuato il primo Congresso nazionale Cinese.

Nel 1978 furono iniziate ricerche sul Qi Gong medico, presso le Università  di Pechino e Shanghai.

Anche oggi,  gli esercizi vengono praticati nei prati, nelle e nei cortili, a scopo salutare.

Read 33 times Last modified on Thursday, 16 April 2020 09:08
Login to post comments